Valguarnera: “Consigli Comunali accesi o non consumati per mancanza del numero legale”

Print Friendly, PDF & Email

“Consigli Comunali accesi o non consumati per mancanza di numero legale quelli che si svolgono nell’ultimo periodo a Valguarnera,
Con frequenti attacchi da parte dell’opposizione nei confronti dei Funzionari, del Sindaco e degli Organi di Revisione per poi fare mancare, sistematicamente, il numero legale”. Il capogruppo UDC Filippa D’Angelo interviene a totale sostegno e difesa dei lavori, dichiarando: “che non siamo stati eletti per portare avanti beghe che non hanno alcun fondamento, ma per difendere e garantire i diritti della collettività. I gruppi Forza Italia e L’Altra voce per Valguarnera ultimamente hanno rallentato i lavori del Consiglio comunale presentando una serie di interrogazioni e richieste di Dibattici politici, ravvisandone pure la necessità di una convocazione straordinaria ed urgente, per poi non essere presenti al momento dell’appello in aula consiliare. Questo atteggiamento lo riteniamo irresponsabile tra cui non ultimo quello consumatosi il 18 giugno, specie perché i punti posti all’o.d.g., da loro richiesti, erano delle interrogazioni sulla vicenda Progitek, chiarimenti sulle mancate risposte ai loro quesiti da parte degli Organi di Revisione; la consigliera Dragà, con una serie di mozioni e interrogazioni lamenta che le sue mozioni vengono trattate in sua assenza, ma non si accorge che da un anno interroga l’amministrazione, ma se ne va senza un motivo plausibile lasciando tutto indiscusso. Anche il Sindaco viene attaccato continuamente, come se chissà quale spettro vi sia dietro ogni atto presentato, specie per il settore rifiuti, dove piú volte è stato annunciato di recarsi in tutte le “sedi opportune”, peccato , però, che i tentativi compiuti dai consiglieri di minoranza, hanno il solo fine di ostacolare il regolare corso dell’amministrazione”.

Ancora l’Aula consiliare aspetta la Relazione a conclusione dei lavori della “Commissione speciale o d’indagine”, costituitasi lo scorso gennaio, e di cui presidente è il consigliere Profeta de L’Altra Voce per Valguarnera, che aveva come proposito supervisionare gli atti del Piano rifiuti e le percentuali di Raccolta differenziata raggiunti, per valutare la possibilità di riduzione della tariffa ai cittadini, ma, scaduti i termini da un po’, nulla è stato relazionato, nonostante i dati richiesti, dagli uffici preposti, siano stati forniti.
Noi ci auguriamo che questo venga letto come invito dai colleghi della minoranza consiliare, in quanto non è possibile riuscire a lavorare in questo clima, non solo nei confronti del ruolo che tutti rivestiamo, nei confronti dei Funzionari e del Sindaco,ma soprattutto nei confronti dei CITTADINI, che in noi hanno riposto la fiducia votandoci. Non era mai successo nella storia di Valguarnera che un Sindaco, dei funzionari pubblici, che lavorano con grande professionalità, venissero attaccati in questa maniera.”
Il capogruppo
Ins. Filippa D’Angelo

Riceviamo e pubblichiamo la nota stampa firmata da parte del Consigliere Comunale Filippa D’Angelo. La redazione resta a disposisizione per eventuali dichiarazioni da parte delle persone e dei partiti interessati. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Related posts

Leave a Comment