ENNA FESTA DELLA POLIZIA PENITENZIARIA

Print Friendly, PDF & Email

È stata celebrata la cerimonia per il 202° anniversario nella fondazione del Corpo di Polizia Penitenziaria.

Mai come oggi la Polizia Penitenziaria ha risentito tanta sofferenza per le centinaia di aggressioni che si registrano giornalmente a livello nazionale ai danni dei Poliziotti Penitenziari oggi carente di circa 8000 Agenti, solo in Sicilia di circa 800 Agenti. 

Il Reparto della Polizia Penitenziaria di Enna è carente di circa 30 baschi blu, e malgrado tutto, riesce ad emergere anche in quei momenti di particolare importanza, come per esempio per fronteggiare situazioni di emergenza e di criticità operativa ma anche per poter celebrare seppur fugacemente l’annuale della nascita della Polizia Penitenziaria.

L’USPP sindacato autonomo della Polizia Penitenziaria rappresentata dal Consigliere Nazionale Filippo Bellavia, non risparmia critiche.

Una volta all’interno dei penitenziari i Poliziotti soffrivano, perché dovevano fare i conti una popolazione detenuta ostile alle regole, difficile da gestire e mi riferisco a quel tipo di popolazione come i brigatisti, i terroristi i mafiosi, non che oggi non vi siano più detenuti di questo livello, ma oggi la sofferenza è amplificata dall’inversione di tendenza, e mi riferisco a quell’indifferenza di un sistema disattento, forse fin troppo distratto da altri interessi che non consentono il vero monitoraggio del corpo di polizia penitenziaria, che viene giornalmente, spogliato della propria dignità professionale e le varie aggressioni ne sono la testimonianza, come sono una testimonianza il sovraccarico di mansioni in più posti di servizio aumentando la mole di lavoro e sottoponendo il personale a serie condizioni di stress a discapito della sicurezza e del principio di osservazione dei detenuti ed in particolare di quei soggetti pericolosi appartenenti alla matrice islamica.

Ma sono proprio queste situazioni di difficoltà che distinguono gli Uomini e le Donne della Polizia Penitenziaria che con alto senso del dovere assumono una vera posizione di prestigio  che gli consente di gestire quelle situazioni di criticità, come la gestione di quell’utenza fragile o anche pericolosa e dei vari tentativi di suicidio, spesso bloccati in extremis, che  non hanno lo stesso tono sonoro della brutta notizia come un suicidio in carcere.

A tal riguardo, oltre a voglio mettere in evidenza, l’attività di servizio di quei colleghi che non hanno potuto festeggiare per dare continuità alla routine del servizio a turno e di Istituto e voglio esprimere le mie congratulazioni al personale di Polizia che in occasione della festa ha ricevuto le onorificenze per essersi distinti in particolari operazioni di servizio: V. Ispettore Filippo BELLAVIA, Sovrintendente C. GRECA Giovanna e gli Assitenti Capo Coord. AIELLO Gaetano, MIRAGLIA Maurizio, PALMISANO Salvatore, MELI Antonio, MELI Lorenzo, LA PLACA Giovanni e DI MARTINO Mario.

L’ auspicio però è quello di poter vedere il personale di Polizia Penitenziaria operare in condizioni di serenità ed in sicurezza, dichiara il Consigliere Nazionale Filippo Bellavia e l’ USPP Unione Sindacale Polizia Penitenziaria non mollerà l’attività di vigilanza.

Related posts