Nel 1837 ENNA RIUSCI’ A CONTENERE LA DIFFUSIONE DELLA PESTE D’ORIGINE ASIATICA INNALZANDO UN CORDONE SANITARIO di Salvatore Presti

Print Friendly, PDF & Email

Enna, allora Castrogiovanni, nel 1837 innalzò un cordone sanitario attorno la città in occasione di una virulenta epidemia di cholera-morbus d’origine asiatica. I primi casi di mortalità si verificarono nel palermitano. il contagio si diffuse rapidamente anche nelle città portuali di Catania, Siracusa e Messina, e quindi nelle “varie città di minor conto minacciando di diffondersi per tutta l’isola”, ci fa sapere Paolo Vetri nella Storia di Enna (vol. II – rist. ed. Ila Palma, PA, 1978), nelle pagine della ricostruzione storica di quei tragici mesi vissuti dalla popolazione ennese. 

 Fu necessario un contingente di 216 uomini per coprire, 24 ore su 24, i settantadue corpi di guardia dislocati sul vasto territorio comunale. Un avviso pubblico informò i cittadini sui provvedimenti sanitari presi nella capitale e sulla organizzazione del cordone, ma risultò alquanto difficile salvaguardare la città dagli ingressi clandestini. In quel tempo Enna era sufficientemente dotata di presidio sanitario potendo contare su 27 tra medici, chirurghi, levatrici e farmacisti oltre ad un ospedale attrezzato con due sale degenti, ubicato nell’area dove oggi sorge il Palazzo del Governo. 

Per il protrarsi del blocco sanitario “paralizzati si veggono il commercio e l’industria con gravissimo danno”, scrive il Vetri. Vennero a mancare i generi di prima necessità e di conseguenza “fame e tumulti andarono a braccetto”. I notabili ennesi, “civili, possidenti, preti regolari e secolari, mastri di bottega ed impiegati, con in testa la civica università” inviarono, l’8 luglio 1837, una supplica al Magistrato responsabile “per non essere obbligati a portarsi in luoghi paludosi, in sì nociva stagione” essendo loro “nati e avvezzi a respirare un aere puro”.

 “I supplicanti si sono sempre comportati così in ogni epidemia, preferendo abbandonare le loro produzioni alla discrezione dei villici, senza sorveglianti, preferendo la sottrazione di generi a loro danno pur di scanzare inevitabili malori di febbri ardenti, miasmatiche, diarretighe, dissenterie ed altro”. Al divieto di commerciare, si ordinò “la chiusura dei fondachi e locande”, tradizionali alloggi dei vetturali. Le autorità organizzarono un Lazzaretto in zona Mulino a Vento nei pressi della chiesa di Santa Maria la Donna Nuova, dove di recente, in zona, si sono trovate sepolture con scheletri verosimilmente risalenti al quel periodo. 

Con il diffondersi dell’epidemia, scoppiarono gravi disordini di piazza in quasi tutte le città dell’isola. Enna riuscì a contenere le dimostrazioni popolari e quando venne “scoperto il veleno causa del terribile morbo asiatico […] si giudica definitivamente salva, scioglie il cordone sanitario, riprende il lavoro, il consueto modo di vivere ed innalza alla Vergine Maria ringraziamenti per averla preservata da cotanto flagello”. 

Fu dopo la prima decade di settembre “che il male cominciò a declinare” finché, alla fine dell’anno 1837, scomparve del tutto. Il bilancio fu pesante. Furono colpiti 13 comuni del circondario, con 2263 morti. A Enna furono censite non poche vittime e registrò una grave perdita. A Catania, sua patria adottiva, il 31 agosto 1837, morì, stroncato dal terribile morbo, all’età di 63 anni, il canonico Giuseppe Alessi, ennese illustre, teologo egregio, naturalista insigne, scrittore di patrie storie, archeologo rinomato, eccellente letterato, direttore dell’Accademia Gioenia e rettore del Real collegio di arti, esperto archeologo al museo Biscari, docente di diritto canonico presso quella università. Enna, sua città natale, gli ha intitolato una piazza e un museo, inaugurato nel 1987, nelle cui sale sono esposte le sue ricche collezioni di reperti archeologici, dipinti, monete, opere pittoriche, stampe, idoletti, ecc, raccolti durante la sua permanenza a Catania con una “attività quasi affannosa”. Le collezioni furono acquisite dalla Chiesa Madre nel 1860 ed esposte parzialmente nei locali della Canonica fino alla definitiva sistemazione nell’attuale sede. Il museo Alessi, non sempre aperto, purtroppo in atto è chiuso per lavori sempre annunciati e mai eseguiti.

(Nell’immagine, una rara foto della zona Mulino a Vento dove fu costruito il Lazzaretto)           

(Visited 151 times, 1 visits today)

Related posts

Leave a Comment