Pd Enna chiede una moratoria sui tributi locali e sugli avvisi bonari.

Print Friendly, PDF & Email

Il coronavirus, oltre a indebolire i polmoni limitandone l’ossigenazione, sta impoverendo ogni settore della nostra economia a causa della chiusura di molte attività artigianali e commerciali per effetto delle disposizioni nazionali e regionali volte a contrastare la diffusione dell’epidemia. Il grido d’allarme lanciato da più parti è rivolto da un lato a garantire un Servizio Sanitario adeguato ed efficiente per salvaguardare la salute di tutti i cittadini, dall’altro affinché le attività produttive, imprenditoriali e commerciali non ne subiscano un grave contraccolpo tale da mettere in ginocchio la nostra economia
nel breve, medio e lungo periodo. A tal fine i provvedimenti fin qui adottati, anche se in alcuni casi apparentemente disarticolati, mirano ad assicurare una maggiore liquidità alle amministrazioni
comunali e a ridurre la pressione fiscale nei confronti delle imprese. Apprezziamo l’operato di quelle amministrazioni comunali che hanno sospeso il
pagamento di tutti o parte dei tributi locali a carico del mondo produttivo e al
contempo, come Partito Democratico, chiediamo a tutte le amministrazioni
comunali della provincia, una moratoria sui tributi locali e sugli avvisi bonari.
Sarebbe inoltre opportuno lavorare da subito sulle norme che regolano la rateazione
di questi tributi per garantire ai contribuenti e in particolare modo alle attività
produttive di dilazionare i pagamenti più consistenti in 12 mensilità.
Infatti, risulterebbe contraddittorio che a livello nazionale vengono prorogati i
termini per il versamento delle tasse statali, mentre rimarrebbero in vigore i termini
e le condizioni per il pagamento di quelle locali, anche in assenza della fruizione di
alcuni servizi come ad esempio la raccolta dei rifiuti.
Intervenire subito è di vitale importanza. Solo così si può evitare il collasso delle
nostre imprese e dell’intero sistema economico che; in caso contrario la crisi
economica avrebbe delle gravi ripercussioni sul nostro già mal ridotto tessuto
sociale. Siamo consapevoli che l’azione amministrativa di un Comune passa anche
attraverso la modifica dei vari regolamenti. Ad esempio nel regolamento delle
entrate si potrebbero prevedere delle scadenze diverse per i pagamenti dei tributi
locali, andando così ad aiutare i cittadini e le imprese. Per le necessità rappresentate dal mondo produttivo e per garantire un adeguato
sostegno alle famiglie, per le quali peraltro i recenti provvedimenti nazionali e
regionali hanno assegnato ai Comuni somme consistenti, si propone di spostare
quelle risorse destinate alla realizzazione di opere o progetti che non sono prioritari
rispetto alla tenuta del nostro sistema produttivo e sociale.
Il Partito Democratico ennese, con i suoi dirigenti comunali e provinciali e con le sue
rappresentanze in seno ai singoli consigli comunali, sosterranno in tutti i rispettivi
territori le iniziative volte a contrastare questa nuova e inedita emergenza, nel
pieno rispetto dei ruoli e della trasparenza degli atti amministrativi.
Il Segretario Provinciale
(Vittorio Di Gangi)

Related posts