Ex Provincia. Accordo con l’Istituto Federico II per ripristinare il tetto

Print Friendly, PDF & Email

Gli studenti dell’IPS Federico II di Enna potranno, nei prossimi mesi, nuovamente utilizzare i laboratori del V° piano chiusi da oltre due anni, a causa di infiltrazioni di acqua dal solaio. I lavori sono stati realizzati direttamente dalla scuola con finanziamenti PON e subito dopo il collaudo, appena dopo le prime piogge, hanno presentato gravi criticità tanto da costringere il Libero Consorzio Comunale, proprietario dell’immobile, ad inibirne l’uso dei locali sottostanti. Ma i tempi dell’azione legale intrapresa nei confronti della ditta aggiudicataria di certo non coincidono con le esigenze degli studenti che si vedono privare di uno spazio indispensabile per la loro formazione professionale, l’uso appunto dei laboratori. Per questa ragione, e per garantire il diritto allo studio, il Libero Consorzio Comunale di Enna e l’istituto professionale hanno siglato nei giorni scorsi un accordo che consentirà di avviare in tempi brevi i lavori necessari a rimuovere le criticità. Il Libero Consorzio Comunale si è impegnato a finanziare e realizzare l’intera opera con fondi del bilancio mentre il Dirigente scolastico porterà avanti l’azione legale nei confronti della ditta esecutrice dei lavori per il recupero delle somme anticipate dal Libero Consorzio. Intanto, l’ingegnere capo dell’Ente, Giuseppe Grasso fa sapere che il progetto è stato già redatto ed approvato tecnicamente. ” Abbiamo già individuato le somme necessarie- ha precisato Grasso- e a giorni saremo in grado di potere affidare i lavori”. Soddisfazione è stata espressa dal commissario straordinario del Libero Consorzio, Girolamo Di Fazio e dal dirigente scolastico, Alfio Borzì per l’accordo raggiunto. ” Perseguiamo la stessa finalità- ha commentato Di Fazio- che è quella di garantire, ognuno con le proprie competenze, agli studenti standard di qualità per esercitare a pieno il diritto allo studio, che significa potere usufruire di locali idonei e di strutture, in questo caso di laboratori necessari per la formazione dello studente”.     

Related posts