Enna, da lunedì strisce blu a pagamento e navette gratis

Print Friendly, PDF & Email

L’assessore Ferrari: “La congestione dei parcheggi aggrava il rischio contagi” “ Lunedì uno marzo 2021 saranno ripristinate tutte le aree di parcheggio a pagamento, strisce blu, e bianche, in tutto il territorio cittadino. È stato altresì prorogato l’affidamento del servizio di navetta che serve il parcheggio Pisciotto.” Fin qui la nota stampa del Comune che in pratica annuncia da lunedì la rittivazione dei parcheggi a pagamento con il conseguente incentivo al riutilizzo della navetta. All’indomani della chiusura delle scuole per il rischio Covid 19 e con l’indicazione, sia nazionale che territoriale, del mese di marzo quale periodo centrale per combattare i contagi questa decisione sembra andare in direzione opposta. Va aggiunto che negli ultimi 10 giorni i positivi in città sono passati da 3 a 51. Il Comune non poteva attendere un altro mese, marzo, prima di riattivare il pedaggio parcheggio e incentivare di conseguenza l’utilizzo delle navette che per il loro ridotto spazio possono essere veicoli di contagio? “La nostra valutazione – dice l’assessore Dante Ferrari – è stata ampia ed abbiamo valutato più aspetti. Primo fra tutti la registrazione della congestione del traffico e qualche assembramento che si è venuto a creare. Due aspetti che alzano di molto il rischio contagio. Ridare normalità al traffico e ai parcheggi unitamente ad una attentissima gestione delle navette, a parer nostro, riduce enormemente il rischio Covid 19”. E se così non dovesse essere? “Noi valuteremo, come abbiamo già fatto, ogni giorno dati e realtà cittadina per prendere decisioni immediate e rispondere sollecitamente al problema.” Insomma tanta disponibilità a riconsiderare ogni decisione e prendere di petto il problema della congestione del traffico e della presenza di persone? “Assolutamente si. Abbiamo avuto tantissime segnalazioni sul Belvedere e sulla via Roma. Riportare disciplina – conclude l’assessore Ferrari – aiuta a combattere i contagi.”

Paolo Di Marco

Related posts