Piano Triennale delle Opere Pubbliche. Disponibili per il 2021 circa 73 milioni di euro

Print Friendly, PDF & Email

Lo schema del Piano triennale delle Opere pubbliche adottato dal Commissario straordinario del Libero Consorzio Comunale di Enna, Girolamo Di Fazio con i poteri della Giunta, e inviato ai Sindaci del territorio, prima dell’approvazione definitiva, segna un vero e proprio cambio di rotta. Si tratta di una programmazione a tutto campo che prevede investimenti per 184 milioni di euro da realizzarsi nel triennio 2021/2023. Per quest’anno sono già disponibili risorse pari a 73 milioni di euro, circa il 40% per cento del totale degli investimenti programmati. ” Abbiamo riacceso i motori, innescato una sinergia positiva con il territorio – commenta Di Fazio- e tracciato assieme all’ingegnere capo, Giuseppe Grasso, un percorso che, grazie a nuove e cospicue risorse disponibili incamerate dall’Ente anche con la vendita della Cittadella degli Studi e dell’albergo Sicilia, sono certo potrà rilanciare quelli che sono i compiti istituzionali, primi tra tutti garantire alle comunità amministrate strade e scuole sicure”. L’ok al Piano triennale è la staffetta per la successiva approvazione dello strumento finanziario, che assieme al Piano del fabbisogno del personale, concorrono a realizzare tutti i presupposti per avviare la stabilizzazione dei 90 dipendenti precari dell’Ente. Due sono le direttrici prioritarie del Piano che riguardano nello specifico investimenti in tutte le scuole superiori della provincia e nel settore della viabilità, che più degli altri ha subito fortemente in questi anni il contraccolpo della mancanza di risorse e di programmazione a causa della grave crisi che ha attraversato l’Ente. La scelta degli interventi da inserire nel Piano nasce anche dal confronto che l’Amministrazione ha avviato in questi mesi con i Sindaci del territorio e con i presidi, una sorta di tavolo tecnico aperto che ha consentito di tracciare le priorità in termini di servizi e di infrastrutture. Quattro grossi interventi previsti per il 2021 saranno destinati alla messa in sicurezza, al potenziamento di attrezzature e di laboratori oltre che interventi di manutenzione straordinaria negli istituti Abramo Lincoln di Enna, E. Meli di Leonforte, l’ITS ” Majorana- Cascino” di Piazza Armerina e l’ITIS a Volta di Nicosia. Adeguamenti antisismici e sicurezza anticovid saranno garantiti a tutte le scuole e per alcuni interventi saranno delegati direttamente i presidi. Per il settore Viabilità tra il 2022 e il 2023 sono stati programmati investimenti per 16 milioni di euro. Intanto, con l’approvazione del bilancio consuntivo si libereranno risorse per altri 4 milioni di euro da destinare in parte alla viabilità. “Previsti grossi investimenti- aggiunge Grasso- sul versante Nord e Sud del territorio che riguarderanno la manutenzione ordinaria e straordinaria di gran parte delle arterie provinciali, con il rifacimento del manto stradale, della segnaletica orizzontale e verticale e dei presidi di sicurezza. In programma investimenti di una certa entità sul patrimonio immobiliare dell’Ente”. Un progetto di oltre 1 milione e 500 mila euro riguarda, infatti, la manutenzione del Palazzo del Governo, sede dell’Ente, ed edificio simbolo del capoluogo. Interventi anche sulle caserme di Regalbuto e Centuripe. ” E’ stato compiuto un sforzo notevole- conclude Di Fazio- abbiamo fatto massa critica delle risorse umane e professionali per tentare di cambiare il volto ad un territorio che ha tante potenzialità spesso mortificate dalla carenza di servizi e di infrastrutture”. ​

Related posts