Settimana europea federiciana ennese Premio “Edoardo Fontanazza 2021” Bando per le scuole di primo e secondo ciclo

Print Friendly, PDF & Email

In vista della Festa dell’Europa che verrà celebrata a Enna il 7 maggio, indetto il concorso che quest’anno ha per tema la diversità e i diritti umani, sociali e ambientali a confronto. Tutti gli elaborati devono presentarsi in formula multimediale. Previsto uno speciale conferimento intitolato alla memoria di Rocco Lombardo. Invio dei lavori entro il 22 aprile

Il bando per le scuole è lanciato. Il tema scelto è straordinariamente attuale. La Festa dell’Europa a Enna è già stata programmata per il 7 maggio prossimo.

La Casa d’Europa, in collaborazione con il Centro studi “Federico II di Svevia” di Enna è determinata a portare avanti un’iniziativa culturale e sociale che vede protagonisti bambini e ragazzi delle scuole ennesi. Il Premio per l’Europa “Edoardo Fontanazza 2021” si rivolge ancora una volta agli allievi del primo e secondo ciclo di istruzione degli istituti scolastici.

“Non solo per l’importanza che in questo delicatissimo momento storico ricoprono le nuove generazioni, ma perché la cultura deve trovare nuovi slanci anche in modalità inconsuete – spiega Cettina Rosso, presidente della Casa d’Europa – mai come adesso, la Storia deve guidarci e a noi organizzatori ha ispirato moltissimo Federico II che in tempi remoti si occupava di tematiche ambientali”.

Il premio, che gode del patrocinio del comune di Enna, quest’anno ha infatti per tema: “Unità nella diversità. La Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione europea e le Costituzioni di Melfi di Federico II: diritti umani, sociali ed ambientali a confronto”.

A corredo, viene anche riportata una precisa norma firmata dall’imperatore Svevo nelle Costituzioni di Melfi rivolta ai sudditi del Regno di Sicilia: “Noi Federico II Imperatore […] disponiamo che sia preservata la salubrità dell’aria la quale deve mantenersi pura per volontà divina, con l’attenzione della Nostra Cura. Ordiniamo che a nessuno sia permesso di mettere a macerare il lino o la canapa nelle acque a meno di un miglio da una città o un castello. Vietiamo che nelle acque siano gettate sostanze nocive o erbe velenose sotto la pena dei lavori forzati per la durata di un anno”.

Una giuria si occuperà di visionare e selezionare i lavori vincitori che verranno premiati durante la Festa dell’Europa organizzata il 7 maggio al teatro Garibaldi di Enna (anticipando di due giorni la festività ufficiale che cade di domenica). Oltre ai premi in denaro per gli elaborati scelti c’è la possibilità di figurare nella sala didattica riservata alla Settimana federiciana all’interno del museo multimediale Stupor Mundi di Jesi.

Confermato il premio speciale intitolato allo storico dell’arte Rocco Lombardo che andrà all’allievo/gruppo che si è particolarmente distinto per meriti di approfondimento nell’ambito della ricerca storica federiciana.

“La celebrazione dell’Europa si farà – aggiunge Cettina Rosso – valuteremo in seguito le modalità più idonee”.

Tra le novità di questa edizione, l’obbligo di utilizzare la forma multimediale anche per le produzioni scritte e recitative. Se le scuole ne fanno specifica richiesta, inoltre, la Casa d’Europa e il Centro studi “Federico II di Svevia” si dicono pronti a organizzare con gli studenti incontri, seminari, giornate di studio sul tema oggetto del concorso, anche online.

I lavori dovranno essere presentati entro il 22 aprile. Bando completo pubblicato sui canali social della Settimana federiciana e su

Related posts