CELEBRATO IL CONSIGLIO COMUNALE APERTO SULLA VICENDA DELLA STRUTTURA EX CISS DI PERGUSA

Print Friendly, PDF & Email

Si è celebrata questa mattina la prevista seduta “aperta” del Consiglio Comunale di Enna presso la stabile ex CISS di Pergusa per porre l’attenzione sulla vicenda di questa struttura, di proprietà del Comune di Enna e ceduto in comodato d’uso gratuito all’ASP di Enna per essere utilizzato in ambito sanitario. La decisione unitaria di svolgere questa seduta del civico consesso ennese, che ha visto coinvolte sia le forze di maggioranza che quelle di opposizione, è nata anche in conseguenza dei recenti annunci circa la sua prossima utilizzazione quale centro Covid, anche in considerazione del fatto che la provincia di Enna è l’unica ad esserne sprovvista. Annunci ai quali, tuttavia, non è seguita nessuna attività, ad eccezione di una cerimonia di consegna dei lavori ad uso e consumo degli organi di stampa. I lavori sono stati introdotti dal Presidente del Consiglio Comunale di Enna, Paolo Gargaglione, che ha sottolineato come ci sia una volontà unitaria da parte di tutte le forze consiliari affinché la vicenda dell’ex CISS trovi uno sbocco positivo, mettendo finalmente a disposizione della collettività una struttura sulla quale gli investimenti sono già stati cospicui. A questo intervento è seguito l’intervento del Sindaco di Enna, Maurizio Dipietro, che ha ripercorso gli ultimi anni della vicenda a cominciare dalla concessione in comodato d’uso della struttura e tutte le azioni messe in campo dall’amministrazione comunale affinché la vicenda vedesse una positiva conclusione. Nel corso del dibattito è stata poi stigmatizzata l’assenza della deputazione regionale e nazionale, nonché lo scarso interesse dimostrato dal Presidente della Regione. Dagli interventi è, altresì, emersa la volontà di giungere ad una risoluzione del comodato d’uso qualora la struttura dell’ex CISS dovesse restare ancora inutilizzata. Le forze consiliari hanno, infine, concordato la redazione di un apposito ordine del giorno da inviare ai rappresentanti istituzionali coinvolti in questa vicenda.

Related posts