CHIESE APERTE 2022. L’ARCHEOCLUB AIDONE MORGANTINA APRE LE PORTE DELLE CHIESE DEL BORGO

Print Friendly, PDF & Email

Sono quattro le chiese di Aidone che saranno aperte al pubblico la prossima domenica 8 maggio in occasione della manifestazione nazionale “Chiese aperte” promossa da Archeoclub d’Italia e giunta alla XXVIII edizione. L’evento si articola in diversi appuntamenti su tutto il territorio nazionale, promossi e organizzati dalle sedi locali di Archeoclub. I soci dell’ Archeoclub Aidone Morgantina, in collaborazione con le associazioni Ecomuseo I semi di Demetra e Contessa Adelasia e la Parrocchia Chiesa Madre di San Lorenzo, saranno impegnati tutta la giornata di domenica, avendo previsto nella mattina dalle ore 10.30 l’apertura dell’eremo di San Marco, una straordinaria chiesa rurale medievale nella Contrada Baccarato, e poi nel pomeriggio, dalle ore 16 fino alle 18.30, l’apertura di tre chiese in centro storico: la chiesa di Sant’ Antonio e quella della Madonna delle Grazie nel quartiere di San Giacomo e la Chiesa Madre di San Lorenzo, con annesso il bellissimo museo d’arte sacra. L’evento è un’occasione importante per promuovere il patrimonio ecclesiastico e storico artistico meno conosciuto, quello che è generalmente lontano dai circuiti turistici ma non per questo meno interessante. Per Aidone, nello specifico, la manifestazione consentirà di aprire al pubblico in via eccezionale l’eremo medievale di San Marco, grazie alla disponibilità della famiglia che ne detiene la proprietà. Qui alle ore 11 ci sarà una visita guidata per raccontare la storia del monumento, il contesto geografico e storico in cui esso si inserisce e soprattutto l’importante intervento di recupero a cui è stato sottoposto negli anni Novanta. Eccezionale sarà anche l’ apertura di due delle tre chiese nell’area urbana, Madonna delle Grazie e Sant’Antonio, aperte occasionalmente per celebrazioni religiose, e del museo d’arte sacra annesso alla Chiesa Madre, scrigno di preziosi tesori di inestimabile valore tra cui una pergamena miniata e il noto reliquiario d’argento di San Lorenzo.

Related posts