SCUOLA – Sciopero, Pacifico (Anief): “Senza stabilizzazione e formazione non retribuita per i docenti non ci stancheremo di denunciare in Europa e presso i tribunali italiani”

Print Friendly, PDF & Email

Si è appena conclusa la diretta organizzata da Orizzonte scuola Tv sullo “sciopero scuola 30 maggio, i sindacati protestano contro il governo. Le parole dei segretari”. In collegamento in diretta ci sono stati Francesco Sinopoli (Flc Cgil), Ivana Barbacci (Cisl Scuola), Pino Turi (Uil Scuola), Elvira Serafini (Snals), Rino Di Meglio (Gilda) e Marcello Pacifico (Anief). Rivedi la diretta

Lo sciopero, rivolto a tutti i lavoratori in servizio nelle istituzioni scolastiche ed educative italiane, ha anche visto l’organizzazione di una manifestazione a Roma.

Marcello Pacifico, presidente nazionale del sindacato Anief, ha affermato durante la diretta che “L’Europa ha chiesto al governo italiano una soluzione per i precari ma non è stato fatto nulla, ha chiesto una formazione retribuita, ma non c’è ancora nulla. Insomma, in questa riforma manca la risoluzione ai vari problemi della scuola, significa che continueremo a denunciare in Europa e presso i tribunali italiani questa ingiustizia. Noi continueremo a far rispettare i diritti dei precari. È il quarto sciopero e non ci fermeremo fino a quando non otterremo ciò che vogliamo, la tutela dei diritti dei docenti italiani cioè”.

Rispetto alla questione precariato, il presidente Pacifico ha aggiunto ancora che “bisogna tornare al doppio canale di reclutamento, che si potrebbe attivare andando ad assumere dalle Gps. È l’unica strada possibile per gli insegnanti, poi si dovrà pensare a un’altra modalità per gli insegnanti di religione cattolica”.

Related posts