CNA COSTRUTTORI ENNA: CRISI DEL SETTORE EDILE, A CAUSA DELLA NUOVA NORMA DEL GOVERNO MELONI SUL BONUS DEL 110%.

Print Friendly, PDF & Email

Non tardano ad arrivare le proteste delle imprese per la norma introdotta nella bozza del DL aiuti con cui si riduce da subito la soglia del 110% per i lavori previsti nell’ambito del super bonus.
“Una scelta scellerata, non ci sono altre parole.  La riduzione immediata della agevolazione creerà un disastro per il comparto e per l’indotto.” – così il Presidente di CNA Costruzioni Geom. Vincenzo Savoca  – “Il settore è in emergenza a causa del blocco dei crediti ceduti alle imprese e a causa dei rincari per le materie prime. Ci aspettavamo provvedimenti che sostenessero il settore, questo è la mazzata finale!”
In poche ore sono decine le telefonate e i messaggi di protesta che hanno raggiunto la CNA di imprese che temono di fallire da un momento all’altro.
“Le imprese in crisi per i crediti bloccati sono più di 100 mila. Imprese che aspettavano una soluzione con gli istituti di credito per poi riprendere a lavorare con altri condomini messi in attesa. Adesso – continua il Presidente di CNA Costruzioni – cosa dovranno fare con i lavori in attesa e contrattualizzati?.”
“È veramente surreale. Pochi giorni fa si pubblicavano studi sul valore del super bonus, su come nel lungo periodo si pagasse da solo e su come stesse trainando la crescita della nazione e poi in pochi giorni diventa il male dell’Italia, al punto da fare una norma capestro. – con queste parole anche il Presidente di CNA, Filippo Scivoli, ha voluto rappresentare la posizione dell’organizzazione – È impensabile un norma con un impatto del genere da applicare in poco più di un mese. Ci sono migliaia di imprese e ancora più condomini che saranno danneggiati. Il settore, l’indotto e in questo caso non è esagerato dire il paese non possono sostenere una norma così.”