ALFREDO SCHILIRO (CGIL): APPOGGIA LA DENUNCIA DIRETTORI DEI DIPARTIMENTI SALUTE MENTALE

“Garantire la salute psicofisica delle persone è un dovere dello Stato che i governi negli ultimi 20 anni stanno eludendo. La Fp Cgil, in questi mesi,  si è mobilitata per  per garantire assunzioni, contratti e adeguati finanziamenti per il Fondo sanitario nazionale. Continueremo la nostra mobilitazione e sosteniamo la denuncia dei Direttori dei Dipartimenti di salute mentale (Dsm)”. Così il neo Segretario Generale della Funzione Pubblica Cgil di Enna Alfredo Schilirò, sostiene la lettera appello per chiedere ‘iniziative concrete ed immediate per ricucire la rete pubblica dei Dipartimenti Salute Mentale , sempre più sfilacciata’, firmata da 91 direttori dei Dipartimenti di salute mentale e rivolta, tra gli altri, al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, e al presidente del Consiglio, Giorgia Meloni.        

E’ un dovere etico e morale mobilitarsi per rafforzare e riformare i dipartimenti di salute mentale  – aggiunge il Sindacalista della Funzione Pubblica di Enna – a fronte dell’aumento del disagio mentale nel nostro Paese, in particolare degli adolescenti, senza più possibilità di adeguate risposte.

Enna non si esime da queste problematiche dove cresce di giorno in giorno il disagio psico-sociale e la povertà educativa. Aumentano i suicidi, aumenta l’uso di sostanza stupefacenti che sfociano nei disturbi mentali.  

Le condizioni drammatiche nelle quali stiamo sempre più scivolando consentono ai Dipartimenti di Salute Mentale di erogare ormai con estrema difficoltà le prestazioni che, invece, dovrebbero essere garantite dai Livelli Essenziali di Assistenza.

Una situazione che si è aggravata con la pandemia e con le problematiche sociali ed economiche.

Chiediamo – continua Schilirò – iniziative concrete ed immediate per ricucire la rete pubblica dei DSM, sempre più sfilacciata, anche con un rilancio al loro interno dei percorsi psicoterapeutici, per realizzare una salute mentale comunitaria, in grado di dare risposte integrate ai diversi aspetti psicologici e sociali.

Per la Fp Cgil, – conclude il Segretario Schilirò –  così come sottolineato nella lettera dei Direttori, serve un piano straordinario di assunzioni per articolare risposte di salute di prossimità, a partire dalle scuole e dalle università, dai luoghi dove la gente vive e lavora. Sono necessarie risorse economiche e di personale ed è necessario avviare delle convenzioni tra le Istituzioni, le Università e il mondo del Terzo Settore  per la presa in carico, la prevenzione, la cura e la riabilitazione della cittadinanza.

About Post Author

Related posts