CNA sulla chiusura dello svincolo: siamo su scherzi a parte?

“Quando abbiamo letto che si chiudeva lo svincolo prima di Pasqua, e dei riti della Nostra settimana Santa, abbiamo pensato di essere su scherzi a parte, invece appendiamo che dopo tutto questo tempo l’ANAS ha urgenza di completare i lavori – con queste parole il Presidente della CNA Filippo Scivoli commenta la nuova chiusura dello svincolo di Enna – Per fortuna rimarranno le rampe di accesso verso Catania e da Palermo, peserà la chiusura anche nei weekend.”

“Oramai da anni le imprese dei trasporti subiscono un aumento dei costi operativi, di rischi dovuti alla viabilità secondaria. Anche il Turismo ne risente -per Graziano Leanza presidente del settore NCC di CNA – i tempi di percorrenza si allungano e capita che Enna venga esclusa dai tour”

Attraverso i suoi dirigenti CNA ha espresso profonda preoccupazione per la situazione, sottolineando l’urgenza di un intervento: “La durata dei lavori allo svincolo di Enna è diventata insostenibile. Non possiamo più affidarci a una tabella di marcia che continua a slittare, mettendo a rischio la sopravvivenza di molte imprese. Chiediamo con forza un intervento immediato per accelerare i lavori e fornire una soluzione concreta alle imprese che pagano il prezzo più alto di questa situazione.”

La questione si carica dunque di tensione, e la CNA sollecita le autorità competenti a prendere misure immediate per ridurre l’impatto di questa prolungata chiusura. L’efficienza delle infrastrutture è fondamentale per il tessuto economico e sociale, e la situazione attuale richiede un’azione rapida e decisiva per evitare ulteriori danni economici e garantire il benessere delle comunità locali.

About Post Author