BARRAFRANCA.IL CONSIGLIERE BIAGIO CASCIO, LANCIA MESSAGGIO AL SINDACO ANGELO FERRIGNO: “QUESTO MODO DI FARE POLITICA RISULTA POCO SODDISFACENTE PER LA COLLETTIVITÀ”

Print Friendly, PDF & Email

Malcontento in consiglio comunale venerdì sera, l’ennesima seduta rinviata per mancanza del numero legale. Il consigliere dell’opposizione Biagio Cascio indipendente, si chiede come mai la pseudo maggioranza non riesce a mantenere il numero legale durante il concesso civico. Tutto ciò accade sin dall’inizio della   legislatura. Sta di fatto che la coalizione che sostiene il sindaco  Angelo Ferrigno e la sua amministrazione  formata da Mpa, parte del Pdl, Udeur popolari per l’italia  e la Destra, non ha più i numeri per governare e sistematicamente  deserta le sedute consiliari. Ed il nuovo motivo ufficiale non è attribuibile a nessuna causa. Secondo Cascio l’origine

del malumore è legato ad alcune promesse politiche non mantenute  dal Sindaco ai suoi alleati. Sta di fatto che la compagine politica non solo non partecipa all’attività amministrativa, ma boicotta, tenendo l’intera collettività in sospeso, dal momento che le questioni di carattere generale vengono di volta in volta rinviate in attesa della loro approvazione. Tutto ciò, accusa il consigliere “determina la causa di uno sbilanciamento politico. Alla luce degli ultimi avvenimenti  in consiglio comunale sia  per la proposta sfiducia al presidente del consiglio, che è stata rinviata per ben tre volte, e per il comportamento di alcuni consiglieri tutto ciò fa pensare che vi è più intesa politica. Infatti alla riunione dei capigruppo  del 1 marzo i signori capigruppo; a maggioranza dei presenti hanno deciso di convocare il consesso comunale, dopo vari rinvii per lunedì 21 marzo. Ma alla domanda del consigliere Cascio il quale lamenta che non si riesce  a fare mai un consiglio comunale per la  data prefissata; s’impegnavano di farlo quel giorno in quanto sarebbero stati tutti presenti, ma cosi non è successo. Infatti sistematicamente il  21 è  mancato il numero legale ed e stato rinviato al giorno successivo cioè al 22, per motivi personali, questa e la motivazione che a detto il capogruppo dell’Mpa a giorno 25 marzo e poi…rinvitato a data da destinarsi per mancanza del numero legale.”La conseguenza di questo stato di cose, è lo sperpero di denaro pubblico, e le gravi condizioni in cui versa il nostro comune, che vede coinvolti anche gli  stessi dipendenti, a cui e stato liquidato lo stipendio del mese di febbraio con 15 giorni di ritardo.”Cascio intende lanciare un messaggio al Sindaco, e a quello che è rimasto della sua maggioranza . Lavorare per il bene della collettività. Poco importa se le iniziative deliberate in consiglio siano appannaggio di uno schieramento o di un altro. L’importante è non perdere di vista il nostro compito:  amministrare con coscienza, coerenza e responsabilità,ove possibile, soddisfare le esigenze dell’utenza.  Poichè   questo modo di fare politica risulta poco soddisfacente per la collettività. I consiglieri di maggioranza, seguitando ad adottare una modalità che non coniuga con la coscienza politica, dimostrano di dimenticare di essere  forse che anche loro sono cittadini di questo comune.

 

About Post Author

Related posts